top of page
  • Sonia

Royce DeZorzi “Denver” - Folk rilassante e contemplativo



La title track dell'album esplora gli idiomi folk e blues tradizionali attraverso lo stile unico di Royce DeZorzi, e il suo modo di suonare emotivo consente agli ascoltatori di interpretarne il significato; nessuna voce, semplicemente la catarsi echeggiante della sua solitudine




Quando la scintilla scatta per la chitarra


Royce DeZorzi è un chitarrista e produttore nato vicino ad Annapolis (MD) in una famiglia di militari, ma che quando era bambino si trasferì ad Augusta, GA. Dopo la scomparsa del fratello Alex, appassionato chitarrista, ne ha ereditato lo strumento, che è rimasto in un armadio per un anno prima di tentare di venderlo ad un amico. Invece di acquistare la chitarra, l'amico gli ha invece mostrato come si suona, rimanendone molto affascinato.

Poco dopo, DeZorzi si recò nel Colorado occidentale, dove trascorse gli anni successivi lavorando nelle fattorie e suonando da solo negli angoli dimenticati del sud-ovest americano. Dopo essersi trasferito a Denver nel 2017, le composizioni acustiche soliste sono passate in secondo piano rispetto alle improvvisazioni di gruppo di stampo elettronico, risultando nel New Freedom Movement LP e VISIONS (2020). Queste offerte sperimentali evidenziano la sua sensibilità come band leader e chitarrista elettrico. Ora, come artista solista, sta tornando alle basi ed esplorando le vulnerabilità della chitarra acustica.

La sua musica combina elementi di folk e di blues con estese tecniche chitarristiche e improvvisazione libera. Si esibisce sia da solista che con la sua band “Sun Girl”.


Denver


DeZorzi ha debuttato nel suo progetto acustico solista con il singolo Denver nel giugno 2022, la prima uscita del suo omonimo album “Denver”, che sarà pubblicato il 1° settembre. In questo, l’artista fa un cenno alla città di montagna dove ha plasmato il suo suono e allo stesso tempo rende omaggio alla separazione, dato che presto si trasferisce a Nashville, TN. Questo suo primo album è un'istantanea della città che ha chiamato casa, intrecciando i fili della propria esperienza nell'arazzo delle pianure, delle montagne e dei tramonti che danzano attraverso il Front Range. Il viaggio a Nashville sarà la prossima tappa del cantante: sta pianificando un tour negli Stati Uniti per promuovere l’album.

La title track dell'album esplora gli idiomi folk e blues tradizionali attraverso lo stile unico del chitarrista, e il suo modo di suonare emotivo consente agli ascoltatori di interpretarne il significato. Nessuna voce, semplicemente la catarsi echeggiante della sua solitudine.

“Questa musica è la mia anima” afferma Royce: “Mio fratello mi ha fatto un regalo dopo la sua scomparsa: la sua chitarra e il bisogno di suonare. La necessità di cantare canzoni di guarigione e di libertà. Mi sono ammalato per diversi mesi nel 2022. Quasi non riuscivo ad alzarmi dal letto. Ero stato licenziato dal mio lavoro e riuscivo a malapena a prendere in mano la chitarra. Ogni giorno, mi spingevo a scrivere e registrare. L'album è stato fatto durante l'estate, a casa mia a Denver. Alcune delle canzoni sono state improvvisate mentre venivano registrate. Tutte le riprese sono dal vivo e ho scritto tutte le canzoni. L'intero album è la mia esperienza di guarigione e voglio condividere la guarigione con il mondo.”

Paesaggi sonori che descrivono l’America più profonda, più vera, con un’emotività straordinariamente potente, grazie a un'intrigante chitarra acustica, Royce riesce a trasmettere all’ascoltatore la dimensione di quello che è il suo rapporto intimo con la chitarra. Questo si sostanzia specialmente in alcuni passaggi dell’album in cui il fingerpicking diviene più accentuato, producendo suoni un po’ grezzi ma veraci, intimi appunto.

"Denver" è un album di 16 tracce assolutamente immersive e talvolta vagamente malinconiche, ma in esso c’è spazio per vari stili: si spazia da uno stile con una ritmica country-funk come nel caso di Denver, traccia omonima dell’album, a sonorità melodicamente più complesse e riflessive; un viaggio che attraversa la tradizione folk americana, con spiccati elementi blues e country. Un album che incanta e che fa sognare l’ascoltatore con le sue vibes romantiche.


Tracklist



 


bottom of page