top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Theresa Gorella "House of Broken Mirrors" - Magnetica voce intrisa di soul


Cantante e cantautrice con sede a Nashville, Theresa Gorella scrive musica che riflette le proprie esperienze e canta con una crudezza e onestà che sono sia riconoscibili che potenti. Cresciuta in una fattoria di uva passa a Fowler, in California, è stata sempre circondata dai suoni della musica country fin dalla giovane età.


Dopo aver frequentato la Long Island University-Brooklyn, si è trasferita a Nashville per dedicarsi alla musica country. Ha ottenuto un lavoro come cameriera al leggendario 3rd & Lindsley ed è stata esposta a diversi tipi di musica cinque sere a settimana. Mentre riempiva bicchieri d'acqua e si asciugava il ketchup dalla maglietta, ha assistito alle esibizioni di Vince Gill, Dawn Sears, Beth Hart, Jonell Mosser, Chris Stapleton e Andra Day tra molte altre leggende della musica. Vedere questi artisti ha cambiato il suo modo di pensare alla musica e l'ha ispirata a formare una band indie rock/funk chiamata Poster Child con il collaboratore Andrew Royal.


Con questa band si è rapidamente fatta un nome nella scena Nashville Funk, ma ha sentito l'impulso di tornare in contatto con le sue radici country. Il suo progetto solista è il suo modo di fare proprio questo, con un suono che fonde il country tradizionale con elementi di soul e americana, che lei descrive come "accidentalmente country".


House of Broken Mirrors, il singolo principale del suo progetto solista, è un must per chiunque apprezzi la musica autentica e sentita. Si tratta di una ballata succulenta con la magnetica voce intrisa di soul di Theresa che canta deliziose melodie su tasti spruzzati ispirati agli anni '60 e chitarre emotive. Il singolo "parla di tutte le volte in cui ho rinunciato a me stessa e delle scelte sbagliate che mi hanno portato a essere qualcuno che non mi piaceva. Era un momento in cui ci si sentiva persi e pieni di vergogna. Volevo tornare indietro e sentirmi di nuovo me stessa", proclama Theresa.



 



Comments


bottom of page