top of page
  • Immagine del redattoreEmanuele

Tai Shan "Jump On In" - Un'ode ai corsi d'acqua


Tai Shan non è la tipica crooner da caffè con microfono aperto che strimpella canzoni d'amore sdolcinate. È un'acclamata cantautrice e un'autentica guerriera della strada quando si tratta di tournée. Quest'anno è finalista al Kerrville Folk ed è apparsa in pubblicazioni importanti come Billboard, Glide, American Songwriter, Americana UK e NPR. È anche un'educatrice musicale pluripremiata con quindici anni di esperienza, che offre lezioni di chitarra, voce, composizione di canzoni ed esibizione, aiutando gli studenti a realizzare i loro sogni musicali.


La sua musica è una fusione perfetta che trascende i confini del genere. La sua voce da soprano scivola con controllo sfumato, fondendo l'appassionato fervore del soul con la sperimentazione a mano libera del jazz e le melodie contagiose del pop-folk. È un suono intimo, emotivamente risonante, arricchito da profondità letterarie e forti narrazioni femminili. Le composizioni apparentemente semplici ma sorprendentemente edificanti tengono costantemente incerto, caleidoscopicamente attraverso epoche e stili ad ogni ascolto.


Al centro del nuovo album "Wildflower Moon" c'è la voce di Tai, uno strumento flessibile ed emotivamente intelligente in grado di trasmettere angoscia, gioia, sfida e saggezza con uguale convinzione. Inoltre l'elenco di collaborazioni è vasto. Le sue canzoni colpiscono in profondità, rimuovendo le sottigliezze per esporre le verità più crude della vita: un momento piangendo la crudele impermanenza dovuta alla perdita, il momento successivo abbracciando le semplici gioie della genitorialità e la saggezza conquistata a fatica. Ma sia che combatta il dolore o si crogioli in acque romantiche, Tai mantiene il suo spirito avventuroso e il suo slancio provocatorio perché il viaggio stesso permea l'esistenza con una profondità agrodolce.


L'ultimo singolo Jump On In, uscito il 28 giugno, è stato scritto come un'ode ai corsi d'acqua in cui Tai e il marito si fermano mentre viaggiano per il paese. La produzione è di Nielson Hubbard, che ha reso questa canzone paludosa e rock.



 



Comments


bottom of page