top of page
  • Sonia

Paolo Ruiu "Pale Ocean" - Calore vintage


Scritto e registrato in uno studio casalingo, su una scrivania usata precedentemente dai Pink Floyd e un vecchio registratore a cassette Tascam 424, Pale Ocean è una celebrazione della registrazione analogica, con elementi della psichedelia degli anni '70, indie lo-fi e voci soffocate da ondate di echi




Londra e vinili


Sardo-britannico di seconda generazione cresciuto nella periferia di Londra, Paolo Ruiu si è fatto notare per la prima volta come metà del duo acclamato dalla critica Young Romance. Con i piani per il tour della band ridotti, Paolo si è preso il tempo per esplorare i suoi desideri musicali di sé stesso come artista solista, condividendo diversi singoli nel corso del 2021 e riunendo tutti questi brani nel suo EP di debutto "Low".


Integrando tecniche di registrazione lo-fi e songwriting mirato, questo cantautore, produttore e polistrumentista fonde il calore del vinile degli anni '70 con una solitudine trovata nelle prime ore della Londra contemporanea.


Pale Ocean


Pubblicato in digitale l'8 dicembre, scritto e registrato nello studio casalingo di Ruiu su una scrivania usata precedentemente dai Pink Floyd e un vecchio registratore a cassette Tascam 424, Pale Ocean è un pezzo in cui viene celebrata la registrazione analogica, con elementi della psichedelia degli anni '70, indie lo-fi e voci soffocate da ondate di echi; l'approccio analogico conferisce alla traccia un certo calore vintage.



 



bottom of page