top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Later "Lemon Trees" - Impennata e inquietante

Later è un quartetto nato nel 2019 nel 9° arrondissement di Parigi, formato da amici d'infanzia o amici di amici, in cui Theo suona il piano, Paul suona la chitarra e il basso, Noah è un produttore e Charles-Marie canta.


Influenzata dal funk, dal pop e dal jazz, la band cerca di portare il suo pubblico in un luogo dove tutto è più morbido, più sereno, lontano dal trambusto della vita quotidiana, un mondo dove sogni e realtà si fondono.


Nel marzo 2019 vengono notati da Kitsuné Musique, grazie alla quale pubblicano il loro primo singolo, L.Y.E. Hanno poi firmato due EP con la Cookie Records, prodotti nel loro studio di casa a Pigalle. I singoli On Time e The Daydream hanno attirato l'attenzione di diverse radio come Nova, FIP e France Inter, mentre sulle piattaforme di streaming integrano molte playlist editoriali.


Hanno chiuso il 2021 con un concerto tutto esaurito alla Boule Noire prima di tornare in studio per ricominciare a comporre. All'inizio del 2022, sono stati descritti da France 2 (il più grande canale televisivo francese) come « i nuovi Daft Punk». Già anticipato con singoli e video musicali che arrivavano fino a MTV Mexico, o con lo show di Netflix Emily in Paris, il loro primo progetto integrale "Walking on the Line" è uscito nel 2023.


Per portare questa serie di sessioni dal vivo alla conclusione culminante, i Later hanno scelto l'impennata e inquietante Lemon Trees, la traccia di chiusura del loro album di debutto. Dopo gli elettrizzanti primi due episodi, la band ci trasporta qui in una performance eterea intrisa di sottigliezza, un aumento di potenza nell'atmosfera evanescente di questo brano, segnato dall'influenza dei Pink Floyd. Un'atmosfera elegante il cui intento è far fare un viaggio all'ascoltatore e i vocals, piacevoli e di classe, stile retrò.



 



Comments


bottom of page