• Emanuele

Jesse James Allen “Stories From Our SOL” - Musica stellare


"Stories from Our SOL" è uno storytelling sull’importanza della corsa allo spazio. Jesse nel suo album celebra missioni realizzate dalla NASA quanto quelle dell’URSS e dell’ESA. Una sorta di tributo a tutti gli sforzi che sono stati fatti nella storia dell’uomo nel volgere lo sguardo verso l’alto, verso gli astri, nell’avvicinamento alla realtà cosmica. L’album rappresenta un’affascinante viaggio esplorativo che tende all’infinito. Nella musica prodotta dai sintetizzatori celestiali, extra-terrestri preceduti dalle voci narranti da docu-film scientifico vi è un condensato di fisico e metafisico perfettamente integrati tra loro



Storytelling spaziale attraverso la musica


Jesse James Allen è un compositore di musica elettronica e designer di media esperienziale con la passione per l’astronomia. Quello di Jesse è un progetto più unico che raro in grado di narrare le missioni spaziali attraverso il linguaggio della musica, fondendo così con gran successo arte e scienza.


Nella sua carriera ha fatto parte di musei spaziali, intervistato una dozzina di astronauti, modificato tonnellate di storie di vita reale, di esplorazione spaziale e pietre miliari. Durante tutta la sua vita ha subito infinitamente il fascino per tutto ciò che l'umanità ha appreso nel nostro viaggio verso le stelle, in gran parte profondamente più interessante della fantascienza.


Da adolescente, racconta di essere rimasto sbalordito la prima volta che ha sentito MCMXC a.D. di Enigma. In quell'album il compositore Michael Cretu ha fatto un uso eccellente della narrazione e degli effetti sonori per raccontare una storia medievale di amore e mistero: un vero e proprio teatro dell'esperienza mentale. Quell’album l’ha fortemente segnato, Jesse infatti ha spesso provato a riproporre un’esperienza simile.


Ha tentato di farlo con il progetto Cassini, rendendolo più simile a una rievocazione radiofonica dei momenti salienti della missione, ma per una serie di motivi, comprese le autorizzazioni legali, non è riuscito a trovare una strada nonostante mesi di tentativi. Quindi l'album è stato pubblicato come strumentale.


Ma quando l'album è stato pubblicato la maggior parte del pubblico ha ascoltato solo la musica su siti di streaming e non ha mai collegato la musica alla storia che supporta. Coloro che hanno scoperto la connessione hanno sperimentato una versione dell'album molto più grande di quelli che non l'hanno fatto. L’album ha ricevuto molti elogi e riscontrato un ottimo successo a livello di critica, Tuttavia, non sembrava mai connettersi con la comunità spaziale per cui era stato progettato. Sta di fatto che sul piano strettamente musicale l’album ha ottenuto un successo oltre le aspettative


Motivato dagli inaspettati riconoscimenti di Cassini, Jesse ha iniziato a mettere insieme un modo per raccontare il tipo di storie spaziali storiche che voleva davvero raccontare.


Ispirato dall'album degli Enigma, Jesse ha deciso di preparare il terreno per un'esperienza di teatro della mente, raccontando quel tanto che basta per lasciare l'ascoltatore aperto a vivere la rappresentazione musicale dell'evento.


Il risultato è stato un tuffo profondo di due mesi in dieci delle sue missioni storiche preferite di tutti i tempi. Riferimenti incrociati a fogli di domande frequenti, panoramiche di missioni, interviste e retrospettive di missioni per creare una narrativa affascinante da rappresentare..


Un album complesso e ricercato, ci sono voluti 8 mesi, per comporlo e registrarlo. Jesse ha tratto ispirazione da molte delle fotografie storiche e dei video catturati dalle missioni.





Stories from Our SOL


"Stories from Our SOL" è un progetto collettivo, hanno supportato Jesse in questo viaggio un numeroso gruppo di artisti della comunità di Orlando. Dai narratori alle esibizioni musicali a strati con le sue composizioni, il progetto è diventato molto più grande della somma delle sue parti.


È composto da 10 brani, ciascuno dei quali è un tributo a una missione spaziale storica: 10 brani per 10 missioni.


"Stories from Our SOL" è uno storytelling sull’importanza della corsa allo spazio. Jesse celebra missioni realizzate dalla NASA quanto quelle dell’URSS e dell’ESA.


Una sorta di tributo a tutti gli sforzi che sono stati fatti nella storia dell’uomo nel volgere lo sguardo verso l’alto, verso gli astri, nell’avvicinamento alla realtà cosmica.


L’album rappresenta un’affascinante viaggio esplorativo che tende verso l’infinito. Nella musica prodotta dai sintetizzatori celestiali, extra-terrestri preceduti dalle voci narranti da docu-film scientifico vi è un condensato di fisico e metafisico perfettamente integrati tra loro.


Il portato letterale-scientifico presto lascia spazio alle implicazioni filosofiche e di riflessione sull’universo, stimolate da composizioni musicali “aliene” ed alienanti che producono un senso di suspense nell’ascoltatore.


Le melodie strumentali sono cariche di effetti sonori ibridi, in quanto abbinano strumenti organici a suoni tecnologici, creando un’atmosfera spaziale per l’appunto. Determinando quella che è a tutti gli effetti un’esperienza multisensoriale fuori dal comune.


"Stories from Our SOL" è dunque un’esperienza in cui la musica si confonde con lo spazio stesso, dove è lo spazio stesso con il suo caos ordinato a produrre suoni, è un album che va immaginato come un continuum tra musica ed immagini spaziali. In effetti è come se le tracce fossero delle colonne sonore delle varie missioni spaziali che rappresentano.



Tracklists


01. Prelude

Un brano introduttivo dove la voce narrante spiega la bontà di questo straordinario progetto, elogiando i primi passi dell’uomo verso le stelle, in sottofondo un’evocativa musica orchestrale.


02. Luna 3

Luna 3 è stata una missione lanciata nel 1959 dall'Unione Sovietica. Sarebbe diventata la prima navicella spaziale a fotografare il lato opposto della luna. Il brano presenta un suono teatrale audace con effetti suggestivi volti a suscitare un senso di mistero.


03. Mariner 10

Mariner 10 è stata una missione lanciata nel 1973 dalla NASA per esplorare il pianeta Mercurio. È stato anche il primo a utilizzare un supporto gravitazionale di un altro mondo (Venere). Nella traccia vi è un’atmosfera rarefatta con suoni che trasmettono una profonda solitudine abbinata a un senso di magnificenza.


04. Pioneer 10

Pioneer 10 è stato lanciato nel 1972 dalla NASA per essere il primo a raggiungere Giove. Pioneer 10 è stata anche la prima navicella spaziale a navigare nella cintura degli asteroidi. Il lo-fi, la new age sente che il primo movimento di questa traccia è in gran parte per supportare la narrativa di Pioneer, ma anche per illustrare la sonda che esce dal vasto vuoto della cintura degli asteroidi e vede il magnifico Giove in lontananza. In Pioneer 10 inoltre i fan di Jesse potranno riconoscere i suoni e il tema di Winter At Jupiter dell’album precedente.


05. Venera 9

Venera 9 era una missione lanciata nel 1975 dall'Unione Sovietica per esplorare Venere. Diventerebbe la prima navicella spaziale a fotografare la superficie di un altro mondo. Una sensazione di estraniazione e di grande indeterminatezza pervade l’ascoltatore dall’inizio alla fine, in un ipnosi iperuranica intrisa di immensità.


06. Viking 1

Viking 1 è stata una missione lanciata nel 1975 dalla NASA e sarebbe stata la prima navicella spaziale a inviare con successo immagini dalla superficie di Marte. Viking 1 ha un'atmosfera di musica rock elettronica più anni '70 per adattarsi all'era della missione. Molto sta succedendo qui con i sintetizzatori. I suoni dell'apertura sono realizzati con la replica Arturia del (New England Digital) Synclavier.


07. Giotto

Giotto era una missione lanciata dall'Agenzia Spaziale Europea nel 1985 per studiare e fotografare la cometa di Halley. È diventata la prima navicella spaziale a raggiungere il nucleo di Halley. Una traccia tra le più dinamiche dell’intero album, con sintetizzatori potenti e percussioni forti.


08. Voyager 2

Voyager 2 è stata una missione lanciata nel 1977 dalla NASA per studiare i pianeti esterni. È stata la prima navicella spaziale a raggiungere Nettuno. La traccia suscita una forte sensazione di sospensione, in cui il tempo sembra rallentare pesantemente almeno fino a metà del brano, la seconda parte della canzone infatti assume un carattere più dinamico, con un retrogusto stupefacente.


09. Galileo

Galileo è stata una missione lanciata dalla NASA nel 1989 per fornire informazioni approfondite su Giove. Nel 1995 la navicella spaziale ha lanciato una sonda atmosferica nel cuore di Giove. Galileo è di gran lunga la colonna sonora più complessa dell'album. Oscura con tratti addirittura misterici che sembrano rivelare labili contatti non del tutto accessibili.


10. Dawn

Dawn è stata una missione lanciata dalla NASA nel 2007 per esplorare l'enigmatico pianeta nano Cerere che risiede nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove. Una composizione orchestrale emotivamente intensa dalla struttura simile ad una soundtrack cinematografica.


11. New Horizons

New Horizons è stata una missione lanciata dalla NASA nel 2006 per esplorare Plutone, un pianeta nano scoperto nel 1930 dall'astronomo statunitense Clyde Tombaugh. È la traccia più acustica dell’album, inoltre è l’unica che contiene una parte vocale. Pianoforte e violini costituiscono una melodia elegante e delicata su cui scorre la voce drammatica e performante di Paul Austin Sanders.


0 commenti