top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Charlotte Sands "Alright" - Stranezza e diversità s'incontrano


L'artista pop/rock Charlotte Sands si è sempre sentita un lupo solitario fuori dalla casa della sua amorevole famiglia; voleva disperatamente adattarsi durante le scuole medie e superiori, ma fluttuava senza meta ai margini dei circoli sociali. Non era appassionata di sport, non si sentiva intelligente coi libri e nutriva insicurezza su ciò che la gente avrebbe pensato del suo piano di rinunciare al college e dedicarsi alla musica.


Eppure, oggi l'artista dai capelli blu elettrico è apparentemente una zattera di salvataggio per i membri della generazione Z e oltre, che sono afflitti da questi stessi sentimenti di angoscia, ansia e alienazione. Attraverso un duro lavoro instancabile, l'auto-riflessione e un viaggio tortuoso e cogliendo l'occasione sui social media, ha incanalato quei sentimenti ossessionanti di isolamento nell'arte potenziante.


Molti hanno scoperto Charlotte per la prima volta nel 2020 su TikTok attraverso il suo singolo trapelato Dress, che si è inserito nelle classifiche pop statunitensi per 10 settimane ed è stato trasmesso a livello internazionale su oltre 200 stazioni multiformato; ad oggi, ha accumulato oltre 35 milioni di stream totali.


Ma la sua carriera non è iniziata con il successo improvviso di una canzone virale: l'ha macinata per quasi un decennio e il suo successo è una testimonianza del suo messaggio ampiamente risonante e della sua instancabile etica del lavoro. Quando la pandemia ha colpito, Charlotte ha dovuto affrontare la difficile decisione di restare sola, isolata a Nashville con un futuro incerto, o tornare a casa. Mentre stava prenotando il suo volo, stava anche lavorando con Danen, e una melodia di pianoforte che stava suonando l'ha attirata a restare. Quel motivo musicale è diventato il suo ultimo singolo.


Ora Charlotte ha finalmente trovato la comunità che desiderava crescere e l'ha creata lei stessa per altri disadattati sociali. "Sono stata vittima di bullismo da bambina, ma ora ho capito che il supporto che cercavo da adolescente è qui", dice. "Questo è tutto più grande di me, e nell'ultimo anno di spettacoli sono stato in grado di incontrare effettivamente persone con cui ho interagito online, e questo mi ha dato molta speranza nell'umanità".


Le canzoni caleidoscopiche di Charlotte sono frizzanti e irresistibilmente eccitanti, sublimemente atmosferiche, angoscianti, con sfumature emotive, punk e metalliche, spesso nella stessa canzone. La sua musica abbatte i pregiudizi e gli stigmi spesso associati al pop, cercando di trovare quella via di mezzo tra i rocker degli anni 2000 e i preferiti dei suoi cantautori d'infanzia.


Il suo ultimo singolo Alright, un inno pop etereo, racconta una profonda svolta nella sua storia: "Voglio essere la sorella maggiore di coloro che si sentono dei mostri. La mia intenzione con la mia musica è creare uno spazio sicuro in cui le persone possano sentirsi accettate e celebrate per la loro stranezza e diversità", rivela Charlotte. "Quando le persone si sentono viste e supportate, il mondo diventa un posto migliore."


Come gli altri suoi testi, riflette la disperazione che provava; scrivendo quella canzone ha fatto una scelta per il suo io futuro, era la luce alla fine del tunnel. Un'epica performance dal vivo di Alright, che racconta una profonda svolta nella sua sta, mentre incanala le sue esperienze da outsider in un'arte potenziante.



 



Comentarios


bottom of page