top of page
  • Immagine del redattoreSonia

OLI “Float” - Andare alla deriva


OLI è tornata con paesaggi sonori lussureggianti e una piacevole scrittura pop nel nuovo singolo Float. La sua potente voce penetra attraverso il malinconico supporto del pianoforte, formando una melodia danzante che mette gli strati della sua incredibile voce in primo piano e al centro




Pop caldo e confortante

La londinese OLI è una cantautrice in continua evoluzione, il cui suono aggraziato e sottile l'ha vista pubblicare alcune delle canzoni pop più calde e confortanti degli ultimi anni. Cresciuta grazie all'eclettico mix di scrittura di canzoni di Sade e Dion Warwick, passando dagli Stereophonics ai Pink Floyd, si sforza di non conformarsi a un unico suono.


Float

OLI è tornata con paesaggi sonori lussureggianti e una piacevole scrittura pop nel nuovo singolo Float. Uscito il 28 ottobre, la potente voce dell'artista penetra attraverso il malinconico supporto del pianoforte, formando una melodia danzante che mette gli strati della sua incredibile voce in primo piano e al centro. Float è la prima nuova musica di OLI dopo il suo acclamato duetto con Dave Gahan dei Depeche Mode, Does That Hurt, uscito all'inizio di quest'anno.

Illustrando la sensazione di andare alla deriva, Float è una malinconica canzone d'amore per lo spazio. Inizia con intensità, i tasti echeggiano man mano che avanza, gonfiandosi fino a un'esplosione di accompagnamento in falsetto e pacifiche trame ritmiche sul ritornello. I testi pieni di emozione e desiderio su "Se potessi galleggiare, vedrei tutto come so che dovrei" affrontano l'aspetto onirico della canzone mentre OLI incorpora temi di soddisfazione, positività, spazio e meraviglia nella traccia pop downbeat.

"Mio padre in realtà ha inventato la melodia principale, stava suonando alla chitarra e mi ha mandato l'idea" dice OLI, che ha iniziato il suo viaggio nella scrittura di canzoni pop alternativo da bambina crescendo in una famiglia di musicisti. “Mi ha fatto pensare a tutte quelle belle canzoni Disney che alla fine ti lasciano davvero felice e soddisfatto. Anche l'idea di fluttuare al di sopra di tutto e di tutti si adatta perfettamente ad essa. Penso che sia qualcosa che molte persone immaginino. Siamo piuttosto piccoli nel grande schema delle cose, quindi è facile sentirsi esistenziali di tanto in tanto. Volevo solo che la canzone dipingesse quell'emozione in un modo più positivo. Personalmente mi conforta molto sapere quanto c'è là fuori".

Il nuovo singolo è uscito con un video musicale visivamente straordinario diretto da Heini Susanne, che vede il contrasto tra meraviglia infantile e giornate estive con notti pensierose in riva al mare in una splendida cornice selvaggia: il video è stato girato in una delle foreste nazionali della Finlandia dalla società di produzione Cocoa, e l'obiettivo era che sembrasse leggermente sognante ma anche oscuro.



 



Comments


bottom of page