top of page
  • Sonia

Liv Hanna "Buried Alive" - Catartico ed emotivamente purificante


Capace di fondere sapori pop e soul creando una tavolozza sonora unica, Buried Alive è una ballata straziante sull'autostima e l'accettazione in cui esplora uno stato d'animo più cinematografico e riflessivo, mentre la sua voce si libra in alto su una produzione esigua ma lussuosamente orchestrata




Musica che aiuta nei momenti difficili


La cantautrice diciannovenne di New York Liv Hanna fa musica carica di angoscia emotiva, piena di sensibilità pop, soul e R&B. "Uso il mio stile di musica indie-R&B mescolato con un approccio modernizzato al pop per trasmettere esperienze che faranno sentire al mio pubblico qualcosa di reale", afferma Hanna. "Collego la musica a tutto ciò che provo e so per esperienza diretta quanto una canzone può influenzare uno stato d'animo e aiutare qualcuno. Penso che sia per questo che sono sempre stata così attratta dalla musica perché, qualunque cosa accada, sono sempre spinta a provare qualcosa di nuovo quando ascolto una canzone".


Attualmente iscritta all'Università di Miami Frost School of Music, attraverso la sua musica, Liv mette in mostra la sua ampia gamma vocale e il suo talento unico nel comporre canzoni. Da sempre circondata dalla musica grazie alla famiglia ed esposta a tutti i tipi di musica, ha studiando pianoforte dall'età di 8 anni e si è esibita in diversi cori, il più elitario dei quali è la Metropolitan Youth Orchestra di New York.


Con l'inizio della pandemia di Covid-19 nel 2020, Liv si è trovata isolata dai suoi compagni di classe mentre era chiusa in casa durante l'ultimo anno. In un certo senso la pandemia le ha offerto il tempo di immergersi in profondità e scoprire cosa voleva fondalmente dire come cantautrice. Con la pandemia è stato un po' più difficile riunirsi e lavorare, ma Hanna pensa che questo sia stato un anno di autorealizzazione e crescita per tutti noi.


Buried Alive


Capace di fondere sapori pop e soul creando una tavolozza sonora unica, la cantante torna con Buried Alive, una ballata straziante sull'autostima e l'accettazione in cui esplora uno stato d'animo più cinematografico e riflessivo, mentre la sua voce si libra in alto su una produzione esigua ma lussuosamente orchestrata.


Co-prodotta dal manager e produttore artistico Guy Eckstine e dal maestro di chitarra Paul Pesco, Hanna rivela il suo attuale stato d'animo, e afferma: "Non so davvero cosa mi abbia ispirato musicalmente, ma dal punto di vista dei testi avevo un messaggio che dovevo solo uscire nell'universo. Spero che i miei ascoltatori trovino Buried Alive catartico ed emotivamente purificante e spero che trasmetta l'importanza dell'amor proprio e illumini quanto possa essere stimolante il confronto tra pari per la propria salute mentale. Voglio celebrare l'individualità piuttosto che nascondere il vero io e conformarmi alle norme sociali. Osa essere diverso. Stavo lottando con problemi di salute mentale nel momento in cui ho messo i miei pensieri sulla carta. Sentivo che le mie lotte potevano essere riconoscibili. Ma scavare emotivamente attraverso il processo creativo mi ha fatto sentire ancora più triste; volevo solo comporre una canzone con cui i miei coetanei potessero identificarsi in modo che non si sentissero soli se mai dovessero affrontare difficoltà simili alle mie. Aiuta davvero sapere di non essere soli e isolati dal mondo".



 



bottom of page