top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Honeysucker "Private Meeting" - Un incontro


Nato dalle profondità fumose della vita notturna di Brooklyn, Honeysucker è una manifestazione sonora dell'energia grezza che pulsa nella città dopo la mezzanotte. Porta con sé l'eco delle confessioni notturne e il fascino delle luci al neon che tremolano sulle strade bagnate di pioggia.


Honeysucker è nato nella primavera del 2022 quando due musicisti indie-pop di Brooklyn, Jack Brickner e Sam Wright, hanno unito le forze. Sentendosi un po' esausti nei loro sforzi individuali, entrambi erano alla ricerca di una nuova scintilla creativa. Determinati a forgiare una nuova identità sonora, influenzata dalla new-wave, dall'indie, dall'R&B e dal pop, hanno dedicato il 2023 alla composizione, registrazione e test dal vivo del loro nuovo materiale.


Con l'aggiunta di Zach Kornhauser e Gavi Kutliroff alla loro formazione live, la band è pronta a svelare una nuova ondata di singoli, mettere in scena spettacoli accattivanti nei diversi locali, scantinati e tetti di New York e stabilire la loro presenza come parte integrante della scena musicale di Brooklyn.


L'ultimo singolo Private Meeting, uscito il 31 maggio, è un pezzo dall'atmosfera sexy con tocchi classici e una voce morbida, influenzato del rock classico, il che si può intuire soprattutto per quanto riguarda la chitarra.


Il cantante racconta: "La triste morsa dell'inverno aleggia ancora nell'aria. In cerca di rifugio dall'isolamento di quest'anno, vado al Foxhole a pochi isolati di distanza dove mi annido in uno spazio vuoto al bar e inizio la mia ricerca di conforto tra i corpi caldi e le lampadine Edison. Passano due round. Non ne sono ancora più saggio. Mentre aspetto il mio terzo, posso chiacchierare con Chester l'Alcolizzato del servizio poco brillante. Mi urla della nuova start-up per cui lavora. È una cooperativa fin-tech ecologica nel centro di Chelsea. Uno degli investitori è un vicepresidente della Lockheed Martin. Forse il barista ci ignora di proposito. Ma mentre Chester continua a parlare con voce monotona, sento il calore di uno sguardo proveniente dall'altra estremità del bar. Mi guarda con un sorriso libertino. Guardo se c'è qualcuno dietro di me. Non c'è. Si avvicina con una Marlboro tra le labbra. Mi lancia un'occhiata e lancia poi un'occhiata alla porta. Non dice una parola. Non ne ha bisogno. Questo è per lei".



 



Komentarze


bottom of page