• Sonia

Highasakite - Richiami indie dal profondo nord


Intervista agli Highasakite, la band che ha scalato le classifiche pop in Norvegia




Dalle origini all'ultimo singolo Mother


Highasakite è una band indie pop-indie rock originaria della Norvegia con uno stile drammatico e un suono che fonde sintetizzatori gelidi con elementi rock percussivi.


Formati quando la cantante Ingrid Håvik ha incontrato il batterista Trond Bersu mentre studiava jazz al Trondheim Jazz Conservatory, hanno iniziato come duo, ma hanno presto reclutato il produttore Thomas Dahl per dare una mano al basso e alla chitarra, aggiungendo anche Øystein Skar per suonare il sintetizzatore. Una volta legati, hanno trascorso sei mesi a lavorare al loro album di debutto: "All That Floats Will Rain" è stato pubblicato all'inizio del 2012 dalla Riot Factory Records in Norvegia, trovando il favore della critica.


Dopo l'uscita dell'album, la band ha iniziato a suonare dal vivo, aggiungendo Marte Eberson al sintetizzatore e Kristoffer Lo alla chitarra, percussioni, flugabone e tuba per completare il suono. La band ha suonato in molti festival prestigiosi nel 2012, tra cui Øya in Norvegia e Iceland Airwaves. Mentre lavoravano a un album successivo, si sono rivolti anche al mercato statunitense all'inizio del 2013 con l'uscita dell'EP "In and Out of Weeks".


Successivamente hanno registrato il loro secondo full-lenght "Silent Treatment", arrivato nel 2014. L'album è stato un grande successo in Norvegia, raggiungendo il numero uno delle classifiche pop, facendogli guadagnare uno Spellemannprisen (l'equivalente norvegese di un Grammy Award) per il gruppo pop dell'anno e rimanendo nella Top 40 per due anni. Nel 2016 sono tornati con il più politico "Camp Echo", che comprendeva i singoli Someone Who'll Get It e Golden Ticket. Nello stesso anno si sono esibiti al Concerto per il Premio Nobel per la Pace.


L'ultimo singolo Mother si discosta dai lavori precedenti per un ritmo più dinamico e l'influsso di elementi sperimentali con maggiori influenze di sounds elettronici.


E' forse la loro canzone più "radiofonica" all'interno del loro repertorio, caratterizzata da una minore espressività drammatica ma che conserva le linee melodiche magiche ed evocative caratteristiche della band norvegese.



Intervista a Highasakite


Come vi è venuta l'idea di formare gli Highasakite, ai tempi?

Io e Ingrid eravamo una coppia all'epoca. Ho fatto molti tour con un'altra band, e anche lei è stata in tour con un altro gruppo, ma Ingrid voleva davvero suonare con me in modo che potessimo invece girare il mondo insieme. Abbiamo realizzato alcuni demo nel 2010 che sono stati ripresi dalla radio norvegese e abbiamo registrato il nostro primo album nel 2010.


Cosa rappresenta per te il tuo ultimo singolo “Mother”?

Noi lo sentiamo ancora abbastanza fresco, anche se sembra enorme, i suoi pochissimi elementi principali nella canzone. Per alcuni forse suona solo come un'altra canzone degli Highasakite, ma sentiamo davvero che questo è qualcosa che non abbiamo mai fatto prima. Anche il vibe e l'atmosfera della canzone saranno davvero fantastici da presentare ai concerti.


Le vostre canzoni sono ricche di elementi a livello strumentale e, soprattutto, emotivamente molto intense. Qual è il vostro scenario di riferimento quando scrivete musica? C'è qualcosa in particolare che vi ispira?

Ingrid scrive tutta la musica da sola a casa, ma quando abbiamo iniziato a lavorare insieme sulle canzoni, abbiamo tratto un sacco d'ispirazione dalla musica che non è molto tipica del pop. Come i cori bulgari, gli strumenti a corda mediorientali, le tabla indiane e la musica techno underground. Ultimamente siamo stati anche ispirati da un po' di musica nella scena alternativa hip-hop/rap e mescolando queste cose insieme ottieni gli Highasakite del 2022, ahah.


Sono passati dieci anni dal tuo primo album, "All The Floats Will Rain". C'è stato un momento chiave in questo viaggio (un album o una canzone in particolare) che ha aperto la strada alla tua band? E come si sono evoluti gli Highasakite dal primo album a "Mother"?

Immagino che l'album Silent Treatment (2014) sia stata la grande svolta per noi. Dopo di che siamo andati in tournée sia con i "London Grammar" che con "Of Monster and Men" attraverso gli Stati Uniti e l'Europa. Abbiamo suonato in alcuni grandi festival a Roskilde, Laneway in Australia, Latitude e SXSW ad Austin. Abbiamo anche fatto molti tour in seguito, in Australia, Asia, Stati Uniti ed Europa.

Il primo album era basato sull'arpa di Ingrids Zither e sulla batteria. Il suono è più elettronico ora, tuttavia usiamo ancora molti strumenti acustici, ma li elaboriamo molto. Però penso che tutti noi vorremo provare più materiale acustico in futuro, non abbiamo ancora realizzato il nostro miglior album.


Tornando a "Mother": notiamo una maggiore enfasi sui suoni elettronici e una minore "drammatizzazione" rispetto al precedente album "Uranium Heart". Cosa possiamo aspettarci dal nuovo album, volete anticipare qualcosa?

È più feroce, più sperimentale direi. Ma ha ancora quelle grandi melodie che solo Ingrid può produrre. È anche più influenzato dai suoni del mondo hip-hop/elettronico, ma è ancora mescolato con materiale acustico e organico. Penso anche che sia molto più dinamico di "Uranium Heart". Ogni canzone ha la sua sfera, quindi penso che abbia molte variazioni e spero sia interessante da ascoltare più volte.


Stai pianificando dei tour per il 2022?

Sì. Faremo un tour in Europa ad aprile/maggio 2022. Visiteremo Stoccolma, Copenaghen, Berlino, Londra e Göteborg. Dopo di che suoneremo in alcuni festival qui in Norvegia. Dato che il mondo è stato bloccato per così tanto tempo, non sappiamo ancora cosa accadrà in autunno, ma se sarà possibile faremo un tour in autunno e anche nel 2023!



 



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti