top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Harry Eucrow "Black Jubilee" - Fascino e ritmo travolgente


Harry Eucrow è un musicista, poeta e narratore nella tradizione del Southern Gothic e Americana music. Le sue composizioni includono chitarra acustica lo-fi, voce cupa e roca e ispirazioni musicali che vanno dal folle cabaret di Tom Waits al folk pacato di Dave van Ronk, al suono industriale pesante di Marilyn Manson.


Le sue storie ruotano attorno a un certo mito occidentale, una grande religione americana che non è tanto esplicitamente cristiana quanto esplicitamente americana. Il mondo delle immagini della mitologia che è cresciuto dalla frontiera selvaggia e si è fuso con gli inferni industriali del tardo capitalismo per diventare qualcosa di completamente nuovo. È il diavolo lungo la strada che ti offre doni di musica in cambio della tua anima. I saggi viaggiatori che risiedono nei vagoni del carbone, che vanno avanti e indietro senza fine da est a ovest, dal freddo pungente delle montagne al caldo bruciante del deserto. L'immagine della vasta autostrada vivente, il serpente di cemento che, allo stesso tempo, rappresenta l'immagine della natura infinita e invincibile e dei tentativi dell'umanità di controllarla, portando ordine e distruzione nel caos primordiale che c'era una volta.


Il suo ultimo singolo Black Jubilee, uscito il 26 marzo, è un accattivante pezzo southern rock cantato da un'avvolgente, misteriosa e affascinante voce che racconta una storia piena di simboli e allegorie.



 



Comments


bottom of page