top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Eden Rain "Oh God" - Sopraffatta dall'overthinking


Oh God parla di navigare nella vita e nelle relazioni essendo una ragazza ansiosa che fa sempre overthinking e che viene facilmente sopraffatta; il testo in qualche modo riflette i tanti sfreccianti e caotici pensieri casuali di Eden, che vuole rivolgersi direttamente ai suoi coetanei




Suono mutante


L'artista londinese Eden Rain, nata a Leeds, è tornata dopo alcuni mesi a comporre con la rivelazione del suo nuovo singolo Oh God. Una vera creativa, a suo agio nel disegnare e creare video mentre scrive dolorosamente musica onesta e orecchiabile, Eden ha pubblicato una manciata di singoli che hanno creato molto scalpore underground, e ora sembra destinata a muoversi verso l'uscita dell'EP di debutto, “Gutter Vision”.

Il suo amore per la musica, inizialmente acceso dai genitori, ha lo scopo di essere la colonna sonora delle giornate dei ragazzi e di essere sempre originale. Il suono di Eden cambia costantemente, mixando nel frullatore un po' di soul, trip-hop, indie folk, un po' di pop e qualsiasi altra musica che ascolti mentre si reca in studio prima di scrivere.


Oh God

Collegandosi col produttore emergente Josef Page, questo pezzo combina il terrore esistenziale di Eden, la sua splendida e particolare voce roca e il lirismo affilato come un rasoio per creare un'offerta stellare da un'artista che ha rapidamente attirato l'attenzione di artisti del calibro di DAZED, BBC Radio 1, Best Fit, DIY, Wonderland, Notion e altro ancora.

Oh God parla di navigare nella vita e nelle relazioni essendo una ragazza ansiosa che fa sempre overthinking e che viene facilmente sopraffatta. Il testo in qualche modo riflette i tanti sfreccianti e caotici pensieri casuali della cantante, che asserisce di voler parlare direttamente coi suoi coetanei: “La mia generazione non ha bisogno di un vecchio bianco con una chitarra e una coda di cavallo. C'è una disconnessione lì. Amo la musica per la sua rilevanza. Mi rivolgo ad artisti come Girl In Red, Soccer Mommy e Baebadoobee perché amo gli artisti che sentono che avrebbero potuto ubriacarsi con te un venerdì sera e fare gli stessi errori. Non vuoi che l'artista si senta distante da te. Le popstar non dovrebbero sembrare intoccabili".



 



Commentaires


bottom of page