top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Ella Jet "Haunted" - Sogni infestati


Ella Jet è nata per cantare. Suo padre cantava blues in una band rock'n'roll mentre lei suonava vestita come una regina gitana. Ha iniziato a suonare la chitarra a 10 anni e quasi subito ha iniziato a scrivere le sue canzoni e ad esibirsi in spettacoli per i ragazzi del vicinato. Ossessionata dalla musica e incapace di concentrarsi su nient'altro, ha abbandonato la scuola superiore a 15 anni e ha iniziato a suonare nei club locali. Il suo nome è diventato sinonimo di vibrazioni sognanti e tenerezza piena di sentimento quando è salita alla ribalta nella scena musicale locale di San Pietroburgo, in Florida.


Ella ha pubblicato il suo EP di debutto "Black Wave Diary" a soli 16 anni ricevendo recensioni entusiastiche. "È difficile trovare un'uscita pop della Bay Area del 2018 che abbia avuto un effetto più sorprendente e straziante sugli ascoltatori rispetto a questa uscita di cinque canzoni. Crudo e intenso come è sempre stata, questo EP è una delle migliori uscite della Bay Area del 2018. (Ray Roa, Creative Loafing).


Quest'artista è stata paragonata ad alcune grandi cantanti nazionali come Norah Jones, Amy Winehouse e Lana del Rey, ma lei sorride e prende tutto con calma. È cresciuta nella sua stessa voce e la sua scrittura è maturata oltre i suoi anni. Fa musica a modo suo - onesta e commovente. Quando il pubblico la vede esibirsi dal vivo, si trasforma visibilmente, trasformato da quella voce, sempre con una storia da raccontare.


Del suo ultimo singolo, Haunted, Ella racconta: "È una canzone da parte mia adesso, per la piccola me. Quando avevo 10 anni un problema di salute mentale nella mia famiglia ha sconvolto il mio mondo. A mio padre è stata diagnosticata la schizofrenia. La famiglia che avevo una volta se n'era andata e da quel momento ho pianto quella perdita in tanti modi diversi. Da bambina non avevo modo di elaborare o comprendere la complessità di ciò che stava accadendo intorno a me, e h o passato così tanto tempo a desiderare che accadesse qualcosa di meglio, desiderando che le cose fossero andate diversamente nella mia vita. Che potevo sedermi attorno a un tavolo da pranzo o ad un albero di Natale e sentirmi normale. Mi sono sentita derubata. "Isolation" di John Lennon divenne un inno. Intorno ai 15 ho incontrato il mio terapista, Eric. Stavo male. Pensavo che fosse proprio quello che ero e mi identificavo profondamente con questo stato, trovando poco sollievo dai miei pensieri ansiosi. Una ragazza stanca che era stata ferita troppo gravemente per vedere la mia vita attraverso una prospettiva più chiara. Anni dopo ho imparato attraverso la terapia continua e il lavoro autonomo che mi ero profondamente identificata con il mio dolore. Il pensiero di lasciarsi andare era una minaccia perché a quel punto non sapevo nemmeno chi fossi senza di essa. La sofferenza fa parte della vita. Per me può essere visto come un dono, un'opportunità di evoluzione o può creare uno schema di contenimento, tenendoti bloccato. Non sono più tenuta in ostaggio. Vedo ora che non sono mai stata sola in quella sofferenza. Dentro di me c'erano tutte le risposte, avevo solo bisogno di stare zitta e ascoltare. Accettare la situazione esattamente così com'è, senza cercare di cambiarla, è dove la pace si è rivelata. Sono così grata di essere ora in un tale stato di pace. Questa canzone è stata il mio modo di elaborare".


Insomma, Ella si domanda "E se i nostri sogni fossero infestati?", cantando con una magnificamente delicata voce, fragile ma intensa.



 



コメント


bottom of page