top of page
  • Immagine del redattoreEmanuele

Earl Nelson & the Company "Raise My Window" - Banjo e chitarra elettrica


Earl Nelson & the Company sono emersi da Golden, in Colorado, per rivitalizzare la musica americana degli anni '60 e '70 con un fantastico mix di country blues, southern rock soul e bluegrass funk.


La band fonde linee di basso pesanti, chitarra solista country killer, banjo, batteria oscillante e pianoforte e organo vintage per accompagnare la voce grintosa e la chitarra slide. Con un grande aiuto di riff gospel blues e assoli di pianoforte di New Orleans, il loro suono dal vivo trasforma qualsiasi palco in un juke joint vecchio stile. Le loro principali influenze sono: Taj Mahal, The Band, Canned Heat, Snooks Eaglin, Bonnie Raitt, Ry Cooder, Link Wray, The Allman Brothers.


In breve tempo hanno messo in scena spettacoli con Cris Jacobs, Early James, Left Lane Cruiser, Pierce Edens; hanno suonato in Colorado, Texas, Oklahoma e Kansas e calcato alcuni palcoscenici storici e bellissimi: Mishawaka Ampitheater, Cervantes Masterpiece, Globe Hall, Hotel Vegas, The Aztec Theatre, The Skylark Lounge (ATX) e molti altri...


Scrivendo della vita americana media e della classe operaia, e i testi sono fortemente ispirati al tempo trascorso nel lavoro manuale come saldatore di Earl, il cantante. Concentrandosi sulle lotte in corso per i diritti dei lavoratori, la musica e i testi si comportano senza confini di genere. Nato e cresciuto nel Kansas orientale, Earl ha imparato a suonare la chitarra grazie all'ossessione per artisti del calibro di Skip James, Son House e Charley Patton. Dopo anni trascorsi a suonare desert blues ad Austin, in Texas, ha trovato casa in Colorado con un gruppo di grandi musicisti che si muovono liberamente attraverso i generi per creare un suono unico e vivace.


Il loro singolo Raise My Window è un pezzo southern rock energico, allegro e ritmato, con forti influenze country, banjo combinato con dei riff di chitarra elettrica che creano un ritmo vincente su cui scatenarsi.



 



Comentários


bottom of page