top of page
  • Immagine del redattoreSonia

Quinnie "Ribbons" - Ciò che comporta la femminilità


Quinnie è un'artista folk di 21 anni. Scrivendo canzoni fin dalla prima infanzia, ha iniziato a fare e pubblicare casualmente registrazioni fai-da-te della sua musica al liceo. Ha frequentato un anno di college, anche se ha abbandonato dopo il primo anno e si è trasferita a Los Angeles per dedicarsi alla musica a tempo pieno. La sua musica è prodotta dal migliore amico e compagno di stanza, Jake Weinberg. Il comfort e la familiarità di questo processo forniscono ai testi vulnerabili e intimi di Quinnie un posto sicuro in cui atterrare, testi che sono per lo più scritti nella comodità del suo letto con il suo gatto al suo fianco.


Nonostante sia ispirata da artisti folk, ambient e pop, questa giovane artista non ha una sola parola per definire la sua musica. Tuttavia, può prometterti questo: la sua musica è sentimentale e seria, con una spruzzata di giocosità e un carico di onestà. Avendo voluto diventare una biologa marina per la maggior parte della sua infanzia, la sua musica è fortemente ispirata dall'amore per il mondo sottomarino. Quinnie spera che abbia la capacità di trasportarti in una serie di biomi, che si tratti delle lussureggianti foreste decidue del New Jersey o delle vibranti pozze di marea che ama esplorare in California. Soprattutto, vuole che tu trovi la bellezza nei dettagli: una pietra levigata dalla spiaggia o un bullone trovato a terra. La magia è intorno a noi, basta sapere dove cercare.


Quinnie ha appena pubblicato il suo album di debutto a febbraio chiamato "Flounder", e rilasciato tramite Sony Columbia, che vanta canzoni di successo. Il suo brano Touch Tank è diventato virale lo scorso anno. Creando un marchio di indie-folk profondamente intimo, Quinnie ha raccolto il sostegno di aree come Pitchfork, NPR, New York Times per citarne alcuni, e quest'estate pubblicherà una versione deluxe del disco.


La sua nuova traccia Ribbons, uscita il 23 giugno, è la terza in uscita quest'anno. Parla dell'essere esausti per il tempo e lo sforzo necessari per presentarsi femminili e del desiderio di essere semplicemente se stesse. Quinnie afferma: "Sono stata ispirata dalla canzone di Joni Mitchell "Carey" e dal pezzo di testo che dice "mi ha fatto abituare a quelle lenzuola bianche e pulite e alla mia fantastica colonia francese", considerando questi motivi come segni di infanzia e pulizia femminile".



 



Comments


bottom of page