• Sonia

Or Golan “Havagabond” - Lontano dall’ordinaria quotidianità



Havagabond è un altro degli accattivanti viaggi musicali di Or Golan, che unisce musica elettronica a un paesaggio sonoro intrigante, con una produzione minimalista, ispirato dal tema delle persone introverse che apprezzano semplicemente la compagnia di loro stesse e non se ne stancano mai



Dagli inizi per errore alle 206mila copie vendute

Or Golan vive in Israele ed è un cantautore, compositore e produttore esperto che si sta rapidamente facendo un nome nell'industria musicale. Un artista 24enne molto eccentrico, che propone una progressive techno spiazzante dal sound spaziale. Molte persone hanno premiato la sua unicità; quella di Golan è una musica totale, immersiva e multimediale, che una volta compresa genera processi di identificazione molto forti.

Con oltre duecento canzoni pubblicate, l’enigmatico compositore israeliano ha raggiunto un pubblico considerevole: oltre 206mila copie dei suoi singoli sono state vendute, inoltre non è passato inosservato neanche agli occhi della critica. È infatti spesso stato invitato a rilasciare interviste su diverse importanti trasmissioni radiofoniche, sono stati scritti molti articoli su di lui, è apparso in TV, ha scritto di sé su riviste di tutto il mondo, è stato piazzato al primo posto tante volte grazie al singolo I am Greedy e ha svolto uno spettacolo a Times Square a New York il 23 settembre 2021.

Divenuto noto in più di settanta paesi, quella di quest’artista israeliano è un’opera che necessita di un'interpretazione aperta e creativa da parte dell’ascoltatore, e a giudicare dai numeri, i fruitori musicali più competenti hanno risposto bene alla sfida.

Iniziare a fare musica per lui è successo per errore, quando nel 2020 era semplicemente annoiato e aveva la sensazione di dover fare musica, senza frequentare scuole di musica e senza aver mai imparato nemmeno le note musicali, tutto ciò che ha creato è riuscito a farlo solo ascoltando. Merito di un enorme talento, Or Golan è sicuro che sia un dono e che le melodie gli siano arrivate interamente da Dio, e per questo gli è enormemente grato ogni giorno.

Or Golan ha una storia drammatica alle spalle con l’ACUM (un'associazione israeliana di cantautori, compositori ed editori musicali), che gli ha rubato tutti i soldi guadagnati dalle trasmissioni radiofoniche, primi posti nelle classifiche, interviste radiofoniche e televisive, concerti ecc...


Havagabond

La sua nuova traccia, intitolata Havagabond, è un altro dei suoi accattivanti viaggi musicali che unisce la musica elettronica a un paesaggio sonoro intrigante, con una produzione minimalista; ispirato dal tema delle persone introverse che apprezzano semplicemente la compagnia di loro stesse e non se ne stancano mai.

Addentrarsi nelle opere di Or Golan è sempre un’esperienza affascinante, impossibile non essere trascinati in un'altra dimensione da quelle atmosfere alienanti, allucinogene che solo l’artista israeliano sa produrre.

Ed è così anche per Havagabond, sintetizzatori assordanti aprono le casse comunicando uno sconquasso esistenziale non ben definito, una sorta di boato inascoltato che restituisce un senso di profonda solitudine in rapporto all’infinito, è come un’esplosione di una supernova nello spazio cosmico.

Ma la musica di Or Golan funziona proprio per questo, perché con semplicità e con una produzione genuina arriva dove tutto ciò che è ordinario non arriva; infatti attraverso le sue tracce si fa esperienza dell’ignoto, di un qualcosa che c’è ma che non è concretamente conoscibile. La sua ultima traccia, Havagabond, è un minuto e mezzo di totale smarrimento, immersi in una dimensione spazio-temporale lontana dalla normale quotidianità.



 



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti